Conoscete queste 10 curiosità sul software?

Utilizziamo software di ogni tipo ogni giorno, tanto da darli quasi per scontati.

Ma ci siamo mai presi la briga di conoscerli un po’ meglio? Di scoprire qualcosa sulla loro storia e sui loro linguaggi?

In questo articolo vi proponiamo un piccolo test per mettere alla prova la vostra cultura generale sul software. Se non sapete la risposta, cliccate sulla domanda per scoprirla.

O meglio, programmatrice. Si chiamava Ada Lovelace ed era la figlia del poeta Lord Byron e della matematica Anne Isabella Milbanke. Indirizzata verso gli studi matematici dalla madre, la Lovelace incontrò il matematico Charles Babbage nel 1834 e i due iniziarono a collaborare attivamente. Quando poi, nel 1842, uscì un articolo in francese sul funzionamento del nuovo progetto di macchina analitica di Babbage, quest’ultimo chiese alla Lovelace di tradurlo in inglese, invitandola ad aggiungere anche le sue note. In pratica, la Lovelace ideò il primo software basato su un algoritmo e la sua invenzione rivoluzionò il mondo informatico, tanto che fu di ispirazione perfino per Alan Turing, che la citò nel suo libro Computing Machinery and Intelligence.

Il termine iniziò ad essere usato per la prima volta durante la Seconda Guerra Mondiale, quando gli inglesi cercarono di decifrare i codici del macchinario Enigma, usato dai tedeschi per criptare le informazioni.

“Bug” in inglese significa “insetto”, e infatti il bug informatico in italiano si chiama anche “baco”. Il motivo di tale scelta terminologica è molto più banale di quello che si può immaginare: l’informatica e matematica Grace Hopper, nel 1947, trovò una falena morta che aveva inceppato il calcolatore Mark II a cui stava lavorando. Questo fu anche il primo “bug” mai registrato nella storia: la Hopper, infatti, attaccò la falena sul suo diario di bordo con del nastro adesivo e accanto scrisse “First actual case of bug being found”.

Il primo PC venne lanciato da IBM nell’agosto del 1981. Era stato messo insieme in tempi record da un gruppo di 12 ingegneri soprannominati “la sporca dozzina”. Vantava un processore Intel e ben…48 KB di RAM!

Oltre 700! Naturalmente, però, quelli più utilizzati e famosi sono una decina.

Ovviamente Microsoft, seguita nella top five da Adobe, Oracle, SAP e Salesforce.

L’applicativo più popolare del mondo risulta essere Google Chrome. In effetti, non è una notizia così sorprendente. Ciò che forse stupisce di più è il fatto che il secondo posto sia occupato da CCleaner e che Microsoft Office si trovi addirittura all’ottavo, dopo uTorrent! (https://electrons.co/popular-software-downloads/)

Semplice: perché viene dopo il linguaggio B. B fu creato dallo scienziato informatico Ken Thompson nel 1969. Nel 1972, Dennis Ritchie lo migliorò e lo modificò, creando così il linguaggio C.

Ebbene SI.

Il nostro smartphone è quasi un milione di volte più potente del computer usato durante la missione Apollo 11, il quale aveva 32.768 bit di RAM e 72KB di ROM. Ricordiamoci, però, che non erano neanche gli anni ’70…

CONDIVIDI POST:

Share on facebook
Share on linkedin

Altro dal blog:

Senza categoria

L’intelligenza artificiale che usiamo ogni giorno senza saperlo

Ci siamo mai chiesti in che modo l’intelligenza artificiale impatti sulla nostra vita quotidiana?

Guardando film come Blade Runner o gli episodi di Black Mirror, l’AI ci sembra ancora fantascienza. Eppure, la utilizziamo ogni giorno, spesso senza saperlo.

è il momento di digitalizzare la tua azienda

Scopri cosa possiamo fare per aiutarti.

info@lenis.tech

Lenis Srl

Sede Firenze:
Via Fra’ Giovanni Angelico, 65
50121 Firenze
Tel. 055 287271

Sede Milano: 
Via Vincenzo Monti, 8
20123 Milano
Tel. 02 94757956